Contest | Temporary

 

V60LT

Switch to pure Volvo

2013

 

Design by

hiddenoffice | Valeria Bianchini


sharing this project on:



DESIGN CONCEPT

La nuova Volvo V60 Plug-in-Hybrid, la prima macchina ibrida in grado di funzionare anche ad elettricità pura, segna una sorta di passaggio epocale nel mondo dell’automobile, tracciando un vero e proprio cambiamento con il passato.

Lo switch (cambiamento), che nell’auto è rappresentato dai tre pulsanti “Pure”, “Hybrid” e “Power”, sono il concetto intorno al quale ruota tutto il padiglione espositivo.

Il padiglione è composto da 20 “Totem” rotanti di forma triangolare (“Pure”, “Hybrid” e “Power”), che oltre ad essere l’ossatura portante della struttura rappresentano una linea di confine con il passato e allo stesso tempo marcano il passaggio (Switch) che ci consente di entrare nel nuovo mondo della Volvo.

Tale Cambiamento, viene di fatti enfatizzato con un vero e proprio gesto che bisogna compiere per entrare all’interno del padiglione: spingere, far roteare i totem e oltrepassarli passandovi in mezzo, è l’atto obbligatorio che tutti noi dobbiamo compiere per dar vita al cambiamento.

ENERGY DESIGN

Il rito di ingresso non è soltanto un gesto rappresentativo, la rotazione dei totem da infatti origine ad un processo di produzione di energia elettrica pulita: SWITCH TO PURE.

Adoperando gli stessi principi di funzionamento delle pale eoliche, l’energia rotazionale viene trasmessa e trasformata in corrente continua mediante un generatore elettrico. Attraverso una serie di cavi e connessioni, la corrente continua arriva fino ad un inverter dove viene convertita in corrente alternata pulita per il sistema elettrico della Volvo V60.

Grazie allo schermo presente all’interno del padiglione è possibile conoscere in tempo reale  la quantità di energia pulita prodotta e la percentuale di carica elettrica presente nell’automobile.

Il visitatore dunque, non è soltanto un semplice fruitore di passaggio, ma diventa attore protagonista e parte integrante di un ambiente dinamico, sostenibile e dallo spirito PURE.

SISTEMA COSTRUTTIVO

Il padiglione ha una piante di forma rettangolare con uno spazio utile calpestabile di circa 36 mq (7,2m x 5m).

I lati lunghi costituiscono le facciate principali del padiglione e sono composte da 20 pilastri in alluminio a sezione circolare con una base stabilizzante (10 per lato) posti l’uno dall’altro con un interasse di circa 75 cm, ai quali vengono agganciati i sistemi rotanti di generazione dell’energia.

Essi fungono anche da supporto ai pannelli rigidi in polipropilene , (3 per ogni pilastro, “Pure”, “Hybrid” e “Power”) che compongono la facciata del padiglione.

I 20 totem rotanti sostengono una copertura divisa in 6 blocchi assemblabili tra loro, attraverso opportuni agganci, composti da travi reticolari in alluminio alle quali vengono agganciati dei pannelli di Aquapanel impermeabilizzanti che rendono l’ambiente sicuro da possibili infiltrazioni d’acqua.

Le pareti di tamponamento dei lati corti sono differenti l’una dall’altra: da una parte vi è una parete completamente opaca  composta da una struttura in alluminio e da pannelli di tamponamento in Aquapanel impermeabili, all’interno della quale si nascondono l’inverter, i sistemi di produzione dell’energia e la postazione di ricarica dell’automobile.

Nell’altro lato invece, vi è una parete mobile con un sistema di apertura e chiusura a soffietto, grazie alla quale l’auto può entrare e uscire con facilità.

Tutti pezzi che compongono la struttura, una volta smontata, hanno dimensioni tali da poter  entrare all’interno di uno spazio di ingombro di  2m x 4m  e altezza di 3 m.

Inoltre i moduli e i componenti della struttura sono stati pensati con materiali leggeri (alluminio, aquapanel, polipropilene…) in modo tale da non superare i 3000 Kg di peso complessivo come esplicitamente richiesto.